Networking: i router.

I router(s) sono dispositivi la gestione del traffico così come i bridge o sgli switch con una sostanziale differenza, questi operano a livello tre del modello Osi (network level) perciò non badandosi sull mac address ma su protocolli più alti quali ad esempio gli indirizzi ip.

Data questa caratteristiche utilizziamo i routers per la connessione ad internet e/o per collegare tra di loro più network, a differenza dei bridges i routers non inoltrano di default tutto il traffico broadcast.

Bloccando di defautl tutto il traffico di broadcast i routers non possono sapera dove si trovano a differenza dei bridge le altre macchine  da raggiungere analizzando il traffico che questi producono, ma ricorrono ad un’altra tecnica di trasmissione ovvero le tabelle di instradamento (routing table).

Di solito le tabelle contengono coppie di dati tipo (N, R) dove N è l’indirizzo IP della rete di destinazione e R è l’indirizzo IP del prossimo router (chiamato “next-hop router“), in questo modo tutto il traffico destinato ad una certa rete segue sempre la stessa strada però non è detto che la segua anche al ritorno da qui si capisce l’importanza del routing.

Quando I dati devono essere inoltrati ad un altra rete ad un altra il router deve conoscere il giusto percorso per poter raggungere la rete di destinazione, ogni router e responsabile di routare I pacchetti (routing) verso una differente rete per questo ogni router deve conscere come trovare ogni rete all’interno dell’internetworking, in altre parole la grande ret formata da tutte le varie subnet all’interno della prorpia struttura.

I router come detto in precedenza utilizzano le tabelle di routing caricate nella loro memoria, queste propriamente programmate da un sysadmin in modo da poter raggiungere I vari punti della internetworking.

A secondo del tipo di routing che possiamo utilizzare distinguiamo tra:

Static routing: se utilizziamo questa implementazione dovremmo utilizzare un tecnico di rete per ogni router della internetworking al fine di programmare staticamente le tabelle di routing per ogni punto della internetworking.

Questa situazione è da ritenersi ideale per piccole aziende dove non vi sia una gestione centralizzata della rete, risulta impensabile gestire grandi aziende per questo vien utilizzato il dynamic routing.

Dynamic routing: in questo scenario I routers scambiano automaticamente le vari informazioni tra di loro, creandosi la loro lista dei vari routers delle altre reti attraverso le routing tables e inviando messaggi a quetri al fine di capire come poterli raggiungere.

Questo procedimento sicuramente aumenta il traffico da gestire tra le varie reti ma facilità i compiti dell’amministratore di rete, le principali classi dei protocolli di routi ng sono:

Distance vector routing protocol.

Link state routing protocol.

Hybrid state routing protocol.

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: